Skip to main content

La Comune di Ferrara > ANNA ZONARI SINDACA

Le tue proposte


In data 18 maggio 2026, il Consiglio Comunale di Ferrara ha adottato la quasi totalità delle raccomandazioni elaborate dall’Assemblea cittadina per il clima, avviata un anno fa ai sensi dello Statuto Comunale. Le indicazioni elaborate dall’Assemblea sono state 199 e riguardano cinque ambiti: Alimentazione, Mobilità, Lavoro, Energia, Impegno per il cambiamento. Solo 16 delle raccomandazioni sono state rigettate dal Consiglio Comunale, il rifiuto è stato motivato con il fatto che tali proposte non sono in linea con progetti già in atto ai quali si rimanda. Con 19 proposte il Consiglio intende procedere alla modifica per una maggiore coerenza e integrazione con i piani pubblici coinvolti. Le restanti 164 raccomandazioni sono state accettate nella loro interezza e vanno direttamente a comporre il Contratto cittadino per il clima, strumento di cui il Comune si è dotato, sottoscritto da soggetti pubblici e privati, aziende e istituzioni, per coordinare e attuare politiche intersettoriali e azioni per la riduzione dell’80% delle emissioni della città di Ferrara entro il 2030. L’Assemblea cittadina è stata coordinata dal Ferrara Lab, il laboratorio dell’Università di Ferrara in collaborazione con il Comune di Ferrara e la Regione Emilia-Romagna. Hanno partecipato all’Assemblea cento cittadine e cittadini estratti a sorte e rappresentativi della popolazione ferrarese in termine di genere, età, istruzione. Il percorso è durato cinque mesi e si è composto complessivamente di otto incontri di mezza giornata, in una prima fase i cento cittadini hanno ascoltato esperti di diversi orientamenti, sono seguiti incontri con gruppi di interesse selezionati (comitati, associazioni, imprese,…) che hanno presentato il loro punto di vista e il confronto con altri liberi cittadini. Le deliberazioni finali dell’Assemblea sono state sintetizzate in un Report dal titolo “Qui ed Ora, la partita climatica si gioca in questo decennio”.

“Dovrai dir sospirando io non c’ero”